Un grande Natale per Natoli

Markku Alen, commentando le prestazioni della Lancia 037, disse “è arrivato grande Natale per me”, volendo intendere un carico di vittorie che gli sarebbe arrivato in cascina. Il Natale, in questo caso, è nel nome della gara (Rally Ronde di Natale, appunto) e nel giorno in cui si è svolta la stessa, ma Tino Natoli ha potuto decisamente associare al suo Natale anche il significato di cui sopra.

Il messinese ha infatti portato a casa una bella vittoria, ottenendo la vittoria di due PS e soprattutto non collezionando neppure un ritiro sulle quattro ripetizioni di una prova certamente difficile ma ricca di fascino e tecnicità, la slovena Sorica. Il lodevole risultato di 30 equipaggi iscritti ha certamente riempito di gioia gli organizzatori e gli ha dato una bella iniezione di fiducia per il campionato che scatterà dalla Francia domenica 18 gennaio.

Il primo passaggio, nella notte slovena, ha fatto procedere in maniera molto cauta i piloti presenti, ed è subito salita in cattedra la Lancia Delta HF del vincitore della Bi-Ronde Cévenole, Edouard Jabrin (per l’occasione in coppia con l’amico Nicolas Zillig). Seguono, a poca distanza l’uno dall’altro, Natoli (Toyota Celica ST205) e il nostro Giuseppe D’Anna (Ford Fiesta RRC), mentre dietro a questi tre si crea da subito un profondo solco, con Mattia Cannarella e Salvatore Corso (Abarth Grande Punto S2000) a capitanare gli inseguitori. Otto i ritirati, in prevalenza tra le 2.0 aspirate (A7 e R3).
Jabrin fa sua anche la seconda prova, con Natoli che commette un piccolo errore e va a finire dietro a D’Anna e Luca Libanori (Ford Escort Cosworth), mentre dalle classi più piccole spunta il nome di Marco Pirani (Renault Clio S1600), che contiene i danni notturni e spara il primo dei suoi tre temponi. Buoni anche i riscontri di Mattia e Samuele Cannarella (Renault Clio Williams), e di Alessio Lucchesi (Ford Fiesta S2000).
Nel terzo passaggio Natoli rosicchia un secondo a Jabrin, distanziando anche D’Anna. Libanori soffoca le speranze di rimonta con un ritiro, mentre Pirani è sempre più lanciato nella sua cavalcata verso un insperato podio assoluto. Più indietro, ottimi tempi li fanno segnare anche Mattia Cannarella, Filippo La Paglia (Peugeot 207 S2000) e Gabriele Iellem (Renault Clio R3).
Nell’ultima e decisiva prova succede il fatto che cambia il volto alla gara: Jabrin picchia ed è costretto al ritiro, aprendo la strada alla vittoria di Natoli e alla seconda piazza di un regolarissimo Pirani. D’Anna, nonostante un errore abbastanza evidente, riesce a contenere per un solo secondo la regolarità di Mattia Cannarella e a concludere terzo assoluto. Quinto un altro pilota abbastanza regolare, Shane Burke su Ford Fiesta S2000, davanti a Paolo Minniti (Ford Escort Cosworth) e a Jabrin. Gli ultimi tre posti della top ten sono occupati da Libanori, Samuele Cannarella e La Paglia. La battaglia a colpi di ritiri in R3, infine, favorisce Michele Molteni e Monica Darilli (Citroën DS3) a scapito di Gabriele Iellem e Luca Dalla Riva (Renault Clio).

Lo staff ringrazia e augura un felice anno nuovo a tutti i piloti, e rinnova l’appuntamento al 18 gennaio!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *