Tris di primi nel menu di Iellem!

Terza tappa di sei per il Campionato Europeo Rally Virtuali 2017, e si arriva finalmente a casa! La tappa italiana assume la denominazione più altisonante di RSR Gaming Rally d’Italia e si rifà il look, introducendo una nuova prova tra le montagne dell’entroterra ligure al posto dell’ormai inutilizzabile (non per motivi tecnici ma per una scelta dello staff basata su una questione di principio) Argegno-Schignano. Rimangono invece invariate le altre due PS previste l’anno scorso, la siciliana Santa Caterina e la PS all’interno dell’autodromo di Monza.

Nuovi arrivi si registrano anche per questa tappa, con l’ingresso di Nicola Potente tra le R2 e il debutto, in una delle classi di vertice, di un altro francese dal piede veramente pesante, Dylan Berthomé. Tra le scuderie succede un piccolo terremoto, con Luka Grm che abbandona il team Procar per ricongiungersi con i suoi Magenta Warriors, promettendo scintille per il suo round di casa visto il suo contemporaneo passaggio in WRC 05 con una Citroën C4.

Vediamo ora com’è andata nelle cinque PS in programma, con i risultati già al netto delle penalità post-gara.

PS 1 “Lanterna 1”
Si comincia subito con un passaggio mattutino sulla nuova PS, a cura di Jejou e Doome Garcia: velocità, staccate e tornanti la fanno da padrone, con un pittoresco passaggio sotto un arco di roccia e diverse insidie sparse lungo il tracciato. È subito Gabriele Iellem a prendere il comando delle operazioni, con sei decimi di vantaggio su Dylan Berthomé e un secondo e mezzo su Jordan Moreno. Un altro secondo separa il francese da Luka Grm e Giuseppe Oliva, i quali infliggono a loro volta due secondi a Luca Bortot e Luca Libanori. Primo delle RC2 è Tilen Horvat, staccato di tre secondi da Libanori ma con sette decimi su Édouard Jabrin e due secondi sia sul diretto rivale Mattia Cannarella che sul francese Jordan Bontoux. Chiudono la top 15 Leonardo Di Bari, prima due ruote motrici sul traguardo, Francesco Dalla Piazza, Samuel Martorana e David Cabaleiro Garcia.

PS 2 “Santa Caterina 1”
Difficilissima PS siciliana che ha fatto il suo ingresso nel campionato un po’ per caso l’anno scorso. La sede stradale stretta, unita alle numerose sconnessioni, ha mietuto parecchie vittime e ha scombinato i piani di diversi abitanti dei piani alti della classifica: ne sanno qualcosa Iellem e Berthomé, vittime di errori che li hanno fatti precipitare nella classifica assoluta. Il primo ad approfittarne a mani basse è Bortot, che prevale per un secondo su Horvat e tre su Jabrin ed Ezio Gazzola, con quest’ultimo già fuori dai giochi a causa del suo ritiro nella PS 1. Un secondo è il margine tra il bergamasco e Grm, il quale mette un ulteriore secondo tra sé e il duo francese Moreno-Bontoux. Segue a due secondi di distanza Dalla Piazza, che si mette dietro un quartetto d’archi formato da Libanori, Alessio Lucchesi, Vittorio Fedele ed Emanuele Marra. Dietro a Marra finiscono Luca Dal Farra, Cabaleiro e Iellem, rispettivamente a mezzo secondo e due secondi di distanza.

PS 3 “Brianza Rally”
La prova ricavata all’interno dell’autodromo di Monza non riserva troppe sorprese, ma Iellem e Bortot riescono a fare la differenza infliggendo distacchi pesanti alla concorrenza. Libanori, il padrone di casa, è staccato di otto secondi dalla vetta, ma riesce a mettersi dietro tanto Grm quanto Berthomé. Dalla Piazza chiude a sei decimi dal francese, precedendo di quattro decimi Moreno e di un secondo il suo compagno di squadra Horvat. Seguono a tre secondi Rémy Caron, Dal Farra e Di Bari, i quali precedono di un paio di secondi un gruppo formato da Marra, Martorana, Michele Molteni e Cannarella.

PS 4 “Santa Caterina 2”
Primo scratch in casa RSR Gaming per Berthomé, che prevale di un secondo su Iellem e due su Bortot. Horvat è buon quarto, davanti per tre secondi su Jabrin, Dalla Piazza e Grm, il quale infligge solo mezzo secondo al sempre generoso Gazzola, capace di prevalere per soli tre millesimi sulla WRC di Moreno. Un secondo è il distacco inflitto da questi ultimi due a Bontoux, il quale a sua volta prevale di un secondo su Marra, Lucchesi, Libanori e Martorana, con l’alfiere Procar che tiene Fedele a due secondi di distanza.

PS 5 “Lanterna 2”
Berthomé ci prende gusto a vincere prove e promette sicura battaglia per il round sloveno, prevalendo per un solo decimo su Iellem. Tre secondi è il distacco che separa Grm dall’alessandrino, mentre a loro volta Moreno e Dalla Piazza concludono a un secondo dal giovane talento di Lubiana. Segue a ruota Libanori, il quale infligge quattro secondi a un gruppetto composto da Bortot, che saluta qui le sue speranze di vittoria, Jabrin, Martorana e Bontoux. Mezzo secondo separa Marra dal francese, mentre Molteni e Horvat chiudono a un secondo dal reggiano. A un secondo da Horvat tagliano il traguardo Lucchesi e Cabaleiro.

Il podio finale vede dunque il terzo successo stagionale di Gabriele Iellem (Subaru Impreza WRC S12), davanti a Luca Bortot (idem) e Dylan Berthomé (Citroën C4 WRC). Scende dunque dal podio Luka Grm (Hyundai i20 NG WRC), che conclude comunque davanti a Jordan Moreno (Ford Focus RS WRC), Tilen Horvat (Citroën DS3 RRC) e Luca Libanori (Ford Escort Cosworth). A chiusura della top ten troviamo nell’ordine Francesco Dalla Piazza (Volkswagen Polo R WRC), Jordan Bontoux (Peugeot 207 S2000 Evo) ed Emanuele Marra (Peugeot 306 Maxi).
– WRC 11: Altra vittoria per Luka Grm (Hyundai i20 NG WRC), davanti a Francesco Dalla Piazza (Volkswagen Polo R WRC).
– WRC 05: Gabriele Iellem (Subaru Impreza WRC S12) prevale su Luca Bortot (idem), Dylan Berthomé (Citroën C4 WRC) e Jordan Moreno (Ford Focus RS WRC). Ritiro per Giuseppe Oliva (idem).
– A8: Luca Libanori (Ford Escort Cosworth) vince nuovamente su Rémy Caron (Toyota Celica GT-Four ST205)
– R5: Nuova vittoria solitaria per Michele Molteni (Citroën DS3 R5).
– RRC: Tilen Horvat (Citroën DS3 RRC) vince, lasciato senza avversari dal ritiro di Mattia Cannarella (Ford Fiesta RRC).
– S2000: Jordan Bontoux (Peugeot 207 S2000 Evo) precede nell’ordine Samuel Martorana (Peugeot 207 S2000), Alessio Lucchesi (Ford Fiesta S2000) ed Édouard Jabrin (Skoda Fabia S2000 Evo).
– K11: Emanuele Marra (Peugeot 306 Maxi) svetta su Luca Dal Farra (idem) e Leonardo Di Bari (Renault Mégane Maxi).
– N4: Soddisfacente vittoria per Sergio Peñas Caro (Mitsubishi Lancer Evo X), davanti a Marco Riganello (Subaru Impreza WRX STi N14) e allo sfortunato Ezio Gazzola (Subaru Impreza WRX STi N12).
– R3: Luca Dalla Riva approfitta di un’ingenuità di Vittorio Fedele nella PS 1 e si salva in corner. (entrambi su Renault Clio R3T)
– A7: Aharon Lo Presti prevale su Alessio Vagelli. (entrambi su Renault Clio Williams)
– S1600: Celestino Barbato vince di nuovo su Stefano Morrone, pur con un errore nella PS 4 che lo penalizza in classifica. (entrambi su Opel Corsa S1600)
– K10: Vittoria senza avversari per David Cabaleiro Garcia (Peugeot 106 Maxi).
R2: Altra vittoria per Daniel Jim (Renault Twingo R2), davanti a un fin troppo falloso Ivan Pattarozzi (Suzuki Swift Sport R2), Stefano Demartini (idem), Davide Magri (Opel Adam R2), Walter Venuti (Citroën C2 R2 Max), Nicolas Hillebrand (Opel Adam R2), Salvatore Reddavid (Citroën C2 R2 Max), Nicola Potente (Ford Fiesta R2), Alex Russo (Suzuki Swift Sport R2), Sigrif De Vito (Opel Adam R2), Adriele Magistro (Ford Fiesta R2) e Alessandro Lo Bue (Opel Adam R2).
– A6: Bella vittoria di Paolo Bontacchio (Citroën Saxo VTS), davanti a Luca Basso (Honda Civic EK4), Giuseppe Crimi (idem) e Carlos Martín Luis (Peugeot 106 Rallye). Ritirato Ettore Truglio (Citroën Saxo VTS).
– N2: Enzo Lo Presti (Peugeot 106 Rallye) precede nell’ordine Nathan Brenna (Suzuki Swift Sport), Leonardo Bartolini (idem), Emanuele Richiusa (Honda Civic EK4), Daniel Gago Teles (Peugeot 106 Rallye) e Carmine Urgo (idem). Ritirato Samuele Cannarella (idem).

La prossima settimana è già tempo di riaccendere i motori: fervono già le ricognizioni e i passaggi sulle prove speciali del Rally I FEEL sLOVEnia! Sono attese molte novità, sia a livello di forze in campo sia a livello del percorso di gara, quindi tenete d’occhio i server nelle giornate di gara… vi aspettiamo!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *