I birilli ricominciano da… tre

L’edizione 2017 del Campionato Italiano Slalom Virtuali è andata in archivio il mese scorso dopo le consuete sei gare e, pur con un numero di iscritti e partecipanti in calo rispetto all’anno scorso, una lotta serrata in tre categorie su sei.

Sei? Sì, sei. Oltre ad una Peugeot 205 GTi adeguatamente vitaminizzata che fa capolino in Categoria 2, a far slittare in alto le due categorie di vertice ci ha pensato un vero e proprio concentrato di odio e convulsioni lungo le curve e i birilli: lo Speedcar Xtrem, vale a dire il Kartcross più diffuso in assoluto, spinto da un turbolento motore Honda CBR 600 preparato Supersport.

Sul fronte dei piloti, il campione in carica Ezio Gazzola rinnova il suo impegno anche per la stagione 2017, passando però alle ruote coperte di una Radical SR4, mentre Leonardo Di Bari e Luca Dal Farra fanno il percorso inverso, optando l’uno per una Jedi Mk6 e l’altro per la consueta Speads RM04. Gabriele Iellem, dal canto suo, è l’unico a sperimentare il Kartcross, mentre tra le vetture coperte si confermano presenze pesanti come Alessio Lucchesi, Luca Libanori, Samuel Martorana, Luca Bortot, Alessio Vagelli, Aharon Lo Presti e Giuseppe Oliva, insieme a debuttanti di lusso del calibro di Emanuele Richiusa ed Umberto Giuffrida.

Categoria 6
La categoria delle monoposto vede per protagonisti Red e Toby in salsa RSR, vale a dire Leonardo Di Bari (Jedi Mk6) e Luca Dal Farra (Speads RM04): dopo il titolo 2016 tra i prototipi, il bellunese primeggia anche tra le ruote scoperte nel 2017, ma solamente all’ultima, decisiva, manche dello Slalom Agro Ericino. Al pur bravo e regolare fasanese non basta la vittoria assoluta ai Colli Romani e quella di classe ad Ascoli, di fronte alle vittorie di Dal Farra nelle restanti gare, compresa l’assoluta in terra ericina: lo spettacolo offerto dai due è stato di livello indubbiamente alto per tutta la stagione. Più in sordina le presenze di Andrea Bevilacqua (Predator’s Pc010) e Jordan Moreno (Speads RM04).

Categoria 5
I prototipi si sono nuovamente rivelati una categoria a senso unico, con Ezio Gazzola (Radical SR4) che ha sempre ballato da solo aggiudicandosi il titolo allo Slalom di Ponente. Il bergamasco di Sovere ha colto quattro vittorie assolute su sei, concedendo la classe alla presenza estemporanea di Giuseppe Oliva (Radical SR4) solo a Erice, a giochi ormai fatti. Salvatore Reddavid (Radical SR4) e Pio Portale (RSR P14-SC) presenziano solo ad una gara, senza peraltro sfigurare troppo.

Categoria 4
Il lupo solitario Gabriele Iellem (Speedcar Xtrem), come unico leit-motiv della categoria, ha avuto il suo bel daffare a tenere a bada le reazioni imprevedibili del suo Kartcross portandolo, in certi appuntamenti, ai piani alti della classifica. Nessun altro pilota si è cimentato nella categoria, per cui i prossimi lavori nella mod saranno mirati a rendere più appetibile questa nuova proposta del 2017.

Categoria 3
Ben frequentata negli anni scorsi, la categoria delle P2 quest’anno non ha visto che un solo protagonista fisso: Alessio Lucchesi (Renault Clio), capace con i suoi risultati di issarsi fino alla quarta piazza della classifica assoluta. Dei suoi avversari, nessuno ha preso parte a tutte le gare, con Luca Libanori che piazza l’unica Renault Twingo davanti alle Clio di Stefano Demartini e Samuel Martorana.

Categoria 2
La categoria dedicata al gruppo Speciale Slalom è stata la più frequentata e combattuta di tutta la stagione. Luca Bortot (Fiat Uno Turbo) comincia alla grandissima, ma la sua assenza nelle ultime due gare consegna il titolo ad Emanuele Richiusa (Fiat 127), che ha avuto comunque il suo bel daffare a contrastare il bravo Alessio Vagelli (Peugeot 205 GTi). Dietro a Bortot, terzo nella classifica finale, conclude Salvatore Carta, in difficoltà sulla sua Autobianchi A112 Abarth ma abbastanza regolare nelle partecipazioni per sopravanzare Corrado Manara (Peugeot 205 GTi), Giuseppe Solinas (Fiat Uno Turbo), Mattia Molica (Renault 5 GT Turbo), Ettore Truglio (Fiat X-1/9) e Giovanni Dara (Fiat 127).

Categoria 1
La base del Campionato Italiano Slalom Virtuali, pur ben frequentata, è stata a senso unico fin dall’inizio: Giuseppe Oliva (Citroën Saxo VTS) ha imposto la sua legge alla concorrenza, con il solo Umberto Giuffrida (Peugeot 106 Rallye) a provare a tenere testa al vittoriese di Locorotondo, raggiungendo l’agognata vittoria all’Agro Ericino. Terzo gradino del podio per Stefano Morrone (Honda Civic EK4) e la sua costanza, che hanno la meglio sull’unico errore commesso da Aharon Lo Presti (Peugeot 106 Rallye). Seguono Carmine Urgo (Citroën Saxo VTS), Jerry Mingoia (Renault Clio RS Light), Élodie Moreno (Citroën C2 VTS Kit), Paul Martin (Renault Clio RS Light) e Sebastiano Errante (Peugeot 106 Rallye).

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *